Te la do io la Silicon Valley

Prima cosa: la Silicon Valley assomiglia un po’ alla periferia nord di Milano.
Ho visto posti più belli, insomma. Soldi, però, ne girano davvero tanti.

Seconda cosa: se vuoi fare soldi nella Silicon Valley, dai retta a me.
Fai come tanti italiani emigranti prima di te: apri un ristorante!

Nel 2000 ho trovato posti nella Valley dove un risotto costava 18 dollari.
Ai tempi, con 36 mila lire dopo l’amaro ti portavi via anche la sedia.

Terza cosa: la Silicon Valley è una corsa all’oro continua, finché dura.
Inventano, diventano un monopolio da loro e poi lo impongono al mondo.

Non lo dico solo io che il monopolio è il modus operandi standard del
capitalismo americano — te lo racconta anche The New York Times.

E come sono bravi a raccontare balle nella Valley, nessuno. Basti dire cosa
ci hanno fatto credere riguardo a sharing economy o smart city…

> Pubblicità: scarica il libro, è gratis!

Repl

Repl è un nuovo ambiente di sviluppo, editor e compiler. Nel browser.
È un prodotto interessante e pare avere dietro le persone giuste.

Cosa succederà?

Faranno di tutto per farlo diventare lo standard fra i programmatori
quindicenni, ragazzi che fra 5 anni prenderanno duecentokappa, come si
dice a Milano, nella #citythatneverstops, come cantava Beppe Sinatra.

A quel punto, giovane aspirante startupparo italiano, anche se non sai cucinare
ti si presenta un’altra opportunità per realizzare il tuo American Dream.

Dai retta a me: metti su un servizio innovativo: washyourunderwear.io

Perché questi baldi giovani che cambiano il mondo per qualche strano
motivo non sanno leggere e capire le istruzioni della lavatrice.

Tu lava le mutande ai giovani, che è come vendere pale durante la corsa all’oro.
Lascia che un altro fesso provi a creare il nuovo Instagram o il nuovo TikTok.

2 Responses

  1. Edoardo 3 May, 2020 / 12:29

    Ironicamente vero. È facile per la silicon Valley far diventare qualsiasi genialata o stronzata uno standard di mercato quando hai 350milioni di utenti domestici.

  2. Marco 4 May, 2020 / 17:54

    Negli States fare il programmatore/startapper(ò) fa tanto Ammmericandrim.
    In Australia, dove sono più pratici, tra le professioni più ricercate ci sono il pulitore di forni e il lavatore di moquette.
    In Italia sfruttiamo i Rider.
    Game, set, match.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *