Fedez

Fedez che se la prende con chi in RAI gli vuole dire cosa può e cosa non può dire in televisione, e che quando necessario alza la voce, si incazza e dice parolacce: bravissimo.

Fedez che è a favore del “decreto antiomofobia”: un altro che pensa che basti fare le leggi, esattamente come nel caso della legge sul “femminicidio” o della legge per gli “insulti su Internet”. Le leggi ci sono già, e troppe. Un quarto di secolo fa, due volte il numero di leggi che aveva la Francia; oggi probabilmente tre volte. Il problema è che vanno applicate.

Però in Italia una legge inutile e magari fin dannosa non la si nega a nessuno, che fa star bene chi la propone. Chi dovrebbe tutelare, non è detto, e non è quello lo scopo.

Come con tutto il “politicamente corretto”, lo scopo è far sentire meglio, o più giusti, che più intelligenti è più difficile, coloro che propongono il provvedimento.

Che sia utile per coloro a favore dei quali in teoria si legifera è cosa del tutto secondaria.

P.S.

Ah, e mi raccomando: adesso tutti a favore del “diritto a Internet” nella Costituzione! ;-)

2 Responses

  1. Andrea 3 May, 2021 / 10:04

    Come quando “serve una regolamentazione del settore”

    • Massimo 3 May, 2021 / 10:51

      In Italia ogni cosa nuova richiede “una nuova regolamentazione”.

      Che poi non verrà applicata.

      La più grande e forse unica rivoluzione che questo Paese dovrebbe fare è di passare a un sistema di Common Law.

      Solo che con un sistema di Common Law poi serve il buonsenso, e il buonsenso in Italia scarseggia. A essere ottimisti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *