Tre domande sulla Catalogna

Quando sento persone contrarie all’indipendenza della Catalogna, vorrei chiedere loro:

1. Non vi pare normale che ogni comunità che parla una lingua abbia diritto ad avere un proprio Paese, in modo che, ad esempio, non succedano cose come questa, vergognosa, di ieri? A proposito: complimenti invece all’Extremadura Unión Deportiva, che ha dichiarato pubblicamente che sono totalmente contrari alle discriminazioni linguistiche.

2. Lo sapete che vi sono una decina di milioni di persone che parlano o almeno capiscono catalano in Europa, e che la Wikipedia in catalano è più grande di quella in svedese, cioè di un Paese ricco, colto, indipendente etc? Ovviamente, è anche più grande di Wikipedia in greco, ungherese, ceco, norvegese, serbo, croato, bulgaro e molte altre lingue europee.

3. Quando si sarebbe esaurita la finestra di opportunità per farsi avanti e dire al mondo che si vuole avere un proprio Paese? Perché vi suona normale che vi siano Paesi in cui si parla italiano e francese, senza contare in questi due Paesi la lingua è stata imposta con la violenza, e strano invece che un altro Paese non voglia rinunciare alla propria lingua?

6 Responses

  1. Massimo 4 November, 2019 / 12:08

    Ricambio da Milano.

    Qui l’identità milanese, o lombarda, ormai è “avere l’Audi”. O il BMW.

    Ma il principio rimane lo stesso.

    Non c’è nessun dubbio che il friulano sia una lingua.

    O il sardo, o il siciliano.

    E vi invito anche ad andare a Bergamo :)

    Curioso, piuttosto, che lo Stato italiano, dopo aver truffato il Veneto col referendum-truffa, ritenga che il veneziano, lingua franca per almeno 500 anni nel Mediterraneo orientale, sia un ‘dialetto’.

    Ma la verità è che: Una llengua és un dialecte amb un exèrcit i una marina.

  2. Lorenzo Guerra 4 November, 2019 / 14:48

    Il Ticino, l’Istria, il Vaticano, San Marino, l’AltoAdige, tutti i paesi del medio Oriente? Sarebbe giusto, ma sarebbe un puttanaio pazzesco

    • Massimo 4 November, 2019 / 16:28

      Medio Oriente???

      Il Ticino penso stia bene dove è; il Vaticano e San Marino sono Stati indipendenti (il Vaticano, una monarchia teocratica, ma contenti loro…). Il Süd Tyrol al limite dovrebbe ricongiungersi con il Tyrol, e non vedo che problemi dovrebbe comportare la cosa — a meno che vogliamo dire che l’Austria tutelerebbe le minoranze peggio dell’Italia.

  3. Lorenzo Guerra 4 November, 2019 / 18:14

    Beh ci sono sia gruppi etnici italiani sia austriaci, quindi cosa si fa? Ciò vale anche per la Catalunya. Io sono indipendentista, ma anche realista. Metter in moto dei processi di indipendenza è molto complicato.
    Il Medio Oriente è stato disegnato senza tener conto della cultura local, difatti ci sono casini a tutto spiano da 50 anni.

    • Massimo 4 November, 2019 / 20:57

      La Catalogna è un casino da più di 300 anni, se è per questo.

      C’è gente che non si arrende, grazie al cielo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *