Come fare del tutto a meno di Google

Sto giocando da tre settimane con un Samsung Galaxy S7 ricondizionato che ho comprato con già installato /e/. Solo una rom alternativa di Android, come continua a ripetermi Paolo. La più grande minaccia a Google che io abbia mai visto, controbatto io.

Apple è un competitor, ma al tempo stesso prende 9 miliardi di dollari all’anno da Google per mantenere Google Search come il motore di ricerca di default in Safari.

Quello di /e/ Foundation per ora è un progetto piccolo, ma è un qualcosa di totalmente diverso. Non ho più una singola app di Google. Scarico le app open source da F-Droid.

Come browser uso quello di DuckDuckGo e quello di /e/, una versione di Bromite. Per le email uso Tutanota. Uso NewPipe al posto di YouTube e Feeder al posto di Feedly.

Note, calendario e contatti li posso salvare nel cloud, il famoso computer di qualcun altro, con una installazione di Nextcloud, open source, gestita direttamente da /e/.

Le App Commerciali

Rimaneva il problema, per nulla banale, delle app commerciali. Facilissime da scaricare usando Aurora Store, ma che comunque ponevano seri problemi di privacy.

Perché la cosa curiosa è che le app di Google non sono piene di tracker. Google sa tutto di tutti con pochi tracker nelle loro app e tracker presenti in 4 siti web su 5.

E Google è gestita da persone serie, al contrario di Facebook, solo per fare un esempio. O al contrario della maggioranza delle altre mille e passa aziende che ci tracciano…

Questi piccoli fanno il lavoro sporco e svendono i tuoi dati per due lire a chi li userà per comprare monnezza, ehm, banner targettizzati, attraverso Google.

Questi piccoli o non tanto piccoli, tipo car2go, vanno eliminati. Se hanno una buona interfaccia mobile, li si usano dal browser, altrimenti si smette di usarli e amen.

Shelter From the Storm

E rimaneva, soprattutto, il problema di Whatsapp. Difficile farne a meno, ma peggio della gramigna. Whatsapp si copia TUTTE le info dei contatti Gmail che hai sul telefono, comprese eventuali note che sicuramente avresti dovuto salvare da un’altra parte.

Con Shelter, però, puoi creare un secondo profilo (un profilo “work”) sul tuo telefono e quindi puoi “isolare” le app che scegli di installare in questo secondo profilo.

È un po’ la stessa idea di Facebook Container, anche se, a dire il vero, Firefox ti consente di creare tutti i container che vuoi, mentre con Shelter hai semplicemente due profili.

Da qui la domanda: meglio mettere tutte le app che mi servono ma che hanno dei tracker nel secondo profilo, col rischio però che qualcuna di queste app si porti a casa anche i dati delle altre, oppure meglio metterci solo Whatsapp e un file ridotto con pochi contatti e poche info su questi contatti? Una volta risolto il rebus, si passa definitivamente a /e/! :-)

4 Responses

  1. Massimo 27 August, 2019 / 11:00

    P.S.

    Sai come esportare i contatti con cui ho avuto chat recenti e dei gruppi da Whatsapp?

    Grazie.

  2. Emanuele 29 August, 2019 / 15:23

    Feeder riesce a fare il sync su altri device? Io non potrei vivere con un feed reader che non si mantiene aggiornato sui vari device (preferiti, cartelle, elementi letti e così via…).
    Comunque complimenti per la scelta, raccontaci anche come ti trovi con il resto (stabilità di /e/, velocità etc.).
    Ciao,
    Emanuele

    • Massimo 29 August, 2019 / 18:10

      Ciao Emanuele, Feeder non penso esista per nessun altro device :)

      • Massimo 29 August, 2019 / 18:14

        Comunque, puoi sopravvivere.

        Siamo più resilienti di quanto non crediamo :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *