Un suggerimento per ATM

Domattina devo andare al Bassini a Cinisello Balsamo. Da casa mia non è molto comodo: il sito di ATM dice addirittura 80 minuti di viaggio. Peggio ancora, però:

1) non mi dice che biglietto interurbano devo prendere.
2) anche se me lo dicesse, non so dove comprarlo.

Soluzione: perchè non eliminare i biglietti interurbani di corsa singola (non gli abbonamenti) e creare un “biglietto extra”, distribuito in ogni punto vendita, da timbrare assieme al normale biglietto urbano? (sì, certo, costerebbe un pochino di più a chi viaggia, e meno ad ATM per stamparli: perfetto, no?)

4 Responses

  1. Zu 7 March, 2012 / 22:12

    2,50 €

    il tram 31 (da Lagosta o Zara) ferma lì vicino

    Quella da te espressa sarebbe una buona idea anche perché non penalizzerebbe chi ha già l'abbonamento urbano.

  2. Massimo 8 March, 2012 / 00:13

    Sì, il 31 lo sapevo (lo dice il sito) ma che biglietto?

    Thanks, ma penso mi costi meno di 5 Euro andare in auto…

  3. Armando 10 March, 2012 / 00:49

    Eh bravo. Vuoi razionalizzare, vuoi semplificare…

    Allora, ti ricordo che noi siamo in Italia.

    Tempo fa c'era la tassa sulla partita Iva.

    Tu dovevi pagarla con un bollettino postale.

    Ma non un bollettino in bianco. Dovevi procurarti QUELLO specifico bollettino.

    Che naturalmente non si trovava da nessuna parte. O meglio, chi lo aveva lo vendeva a blocchi da 50, pensati per i commercialisti.

    Questo è il principio su cui deve funzionare ogni cosa in Italia.

    Io abito a Sesto, quindi pago più della tariffa urbana.

    Naturalmente, se voglio comprare un biglietto urbano a Sesto NON POSSO.

    Posso solo comprare biglietti che vadano bene per oltrepassare i tornelli di Sesto.

    Altre piacevolezze del sistema ATM. Un giorno, a Sesto, ho inserito nella macchinetta un biglietto Interurbana + 1 zona (o qualcosa di simile). Non andava. Dovevo inserire un Biglietto Urbana + 1/2 zona (o qualcosa di analogo, non ricordo).

    I due biglietti costavano la stessa identica cifra e facendoli alla macchinetta era facile confondersi.

    Anzi, la macchinetta è stata fatta appositamente per confondere la gente.

    L'Atm infatti si guarda bene dal mettere cartelli che illustrino le tariffe.

    Un sacco di gente viene multata quando arriva a Sesto, perché molti, specialmente stranieri, non sanno che si esce dal limite urbano e la tariffa è più alta. E si beccano la multa, perché i controllori felloni sono sempre lì.

    A trattare la gente con fare arrogante, minacciando ogni volta lo scontro fisico se non sei veloce a mostrargli il biglietto.

    Morale: usa pure la macchina, hai tutto il mio appoggio.

    L'Atm è l'ennesimo teatro dello squallore milanese. Meglio non frequentarlo.

  4. Massimo 10 March, 2012 / 01:35

    mah, in città per me va bene. Migliorabile, ma tutto sommato bene.

    Sta storia dei biglietti interurbani, invece, potrebbe essere affrontata meglio.

Leave a Reply